LIBRI E BAMBINI

libro bambino vegan

 

Dopo le stelle e i bambini, ciò che c’è di più bello al mondo, è un libro.

Fabrizio Caramagna

A Mete Adahy abbiamo letto libri fin da quando era nel pancione. Li leggeva il papà: primo, è un ottimo narratore, secondo, familiarizzava con la sua voce (la mia, del resto, la sentiva h24). E infatti Mete quando sentiva la voce del papà si agitava, tirava calci, dava segni di “interazione”. Che emozione questo ricordo, sarà per sempre impresso nel mio cuore.

I libri son stati la prima cosa che ho comprato a Mete, ancor prima di tutine, vestiti, etc. Ricordo che verso la fine della gravidanza avevo già un po’ di libri per lui e nessuna tutina… così mi venne in mente che forse era arrivato il momento di comprare anche dei vestiti :p.

Il primo libro in verità gliel’ha regalato la nonna, eravamo andati all’ikea per prendere delle cose che mi servivano per la casa nuova e c’era questo bellissimo libro intitolato “ Gli amici della foresta immaginaria”. Devo dire che il libro mi ha convinta perchè è stampato in italia su carta fsc. Spesso i libri che compriamo in libreria sono stampati in Cina. Tutto sommato non male, bravi quelli di Ikea.

Poi quando è nato, dopo un mese che era nato o forse prima, al mattino mi mettevo sul divano, lo mettevo tra le mie gambe e gli aprivo questi libri raccontandogli delle storie e facendogli notare i disegni. Un’altro dei suoi libri preferiti è Inventario della Frutta e degli ortaggi, un libro illustrato meraviglioso, a cui poi abbiamo aggiunto quello dei fiori e degli alberi, e pian piano vorrei collezionarli tutti, perchè le edizioni Ippocampo son davvero stupende.

Mete è stato fin da subito affascinato dai libri, mi ricordo che faceva versi e poi con le dita ha iniziato ad indicare le figure abbastanza presto, e quando tiro fuori un libro è sempre una soluzione win-win, anche adesso che di mesi ne ha dieci.

Recentemente gli ho fatto una libreria tutta sua, stile Montessori, però di recupero: ho riutilizzato un vecchio scolapiatti di legno che usavamo in campeggio. Era sepolto insieme ad altre cose da tempo e così gli ho dato una nuova dignitosa e fantasiosa vita: quella di libreria.

Ho messo i libri cartonati, quelli che sono adatti per le manine di Mete adesso, gli altri invece li tiriamo fuori insieme,così può girare le pagine di carta con la mia supervisione. In realtà tende ad essere abbastanza delicato, questa cosa mi piace tanto, è come se avesse capito come trattare i libri.

Anch’io amo i libri. Nel mio declutting non sono ancora riuscita a liberarmene. Ne possiedo parecchi, e in ogni trasloco portarli tutti è sempre stata la parte più onerosa. Almeno una cosa è cambiata:  ultimamente ne compro sempre meno e li prendo in prestito in biblioteca, cosa che non facevo dall’adolescenza.

Credo sia importante mettere i bambini a contatto con le sane abitudini, e leggere o comunque avere a che fare con i libri è una di queste.E non è mai troppo presto per imparare! Il primo libro che ho dato in mano a Mete è stato in effetti un libro di stoffa, aveva due mesi e ancora adesso ogni tanto lo guarda, anche se non esercita il fascino che esercitano i libri di carta.

Anche il momento del racconto condiviso è un momento speciale, lui per adesso ancora non si addormenta con una storia ma chissà, forse più avanti si e sarà bellissimo.

Leggere ci apre nuovi mondi e nuovi orizzonti, ci aiuta nella capacità di esprimerci, ci fa sognare e viaggiare. Non è tutto quello che serve per una vita ricca di conoscenza (vivere è il miglior modo per fare esperienza e di conseguenza per CONOSCERE) ma di certo aiuta.

Mete ha una felice inclinazione verso i libri – quanto meno per adesso- e io ne sono molto felice.

Altri libri che mi piacciono molto sono i sassi junior: noi abbiamo preso My First library.

Due libri a cui tengo molto sono : V is for Vegan di Ruby Roth e il Lupo vegetariano.

Per il resto, molti dei libri che Mete possiede sono stati presi ad un fiera in montagna dove c’era una bancarella dell’usato: a 50 cent l’uno ho trovato dei libri bellissimi <3. E poi ci sono i libri regalati da zie speciali 🙂

Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono.

Snoopy

Rainbow Hug

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...